18/03/2019

Rifiuti abbandonati su spiagge e corsi d'acqua - nuova circolare del comitato nazionale

Con circolare n. 3 del 21 febbraio 2019 il Comitato Nazionale gestori ambientali fornisce chiarimenti alle imprese sulla loro possibilità, se già iscritte nella categoria 1 dell'Albo alla data di entrata in vigore della delibera n. 5 del 3 novembre 2016, di svolgere le attività della sottocategoria "raccolta e trasporto di rifiuti abbandonati sulle spiagge marittime e sulle rive dei corsi d'acqua" di cui all'allegato D, Tab. D7, alla delibera stessa.

In sostanza viene chiesto al Comitato di chiarire se le imprese già iscritte dal 1° febbraio 2017 (data di entrata in vigore della delibera n. 5/2016) nella categoria 1 possono o meno svolgere anche la raccolta e il trasporto di rifiuti abbandonati sulle spiagge e sulle rive dei corsi d’acqua.

Per rispondere al quesito è necessario richiamare quanto già espresso dal Comitato con la Delibera n. 5 del 3 novembre 2016. Con tale delibera il Comitato ha definito i criteri e requisiti per l’iscrizione all’Albo, con procedura ordinaria, nelle categorie 1, 4 e 5 prevedendo, in particolare, che “le imprese che intendono iscriversi nella categoria 1 per svolgere esclusivamente singoli e specifici servizi devono disporre solo delle dotazioni minime di veicoli e di personale individuate nelle sottocategorie di cui all’allegato “D” riguardanti i servizi medesimi” (art. 1, comma 4).

Successivamente, con la Delibera n. 8 del 12 settembre 2017, sono state apportate modifiche e integrazioni alla delibera n. 5/2016, e con le circolari n. 229 del 24 febbraio 2017 e n. 153 del 7 dicembre 2018 è stata ribadita la necessità, solo per le imprese che intendono svolgere anche le attività della sottocategoria di cui alla Tabella D7 (appunto “raccolta e trasporto di rifiuti abbandonati sulle spiagge e sulle rive dei corsi d’acqua”) della Delibera 5/2016, di disporre al momento dell’iscrizione delle macchine operatrici o dei veicoli ad uso speciale previsti.

Dalla lettura combinata di queste disposizioni, il Comitato nazionale, con la circolare n. 3 del 21 febbraio 2019, ha chiarito che le imprese già iscritte in categoria 1 (raccolta e trasporto di rifiuti urbani) al 1° febbraio 2017 devono ritenersi autorizzate a svolgere anche le attività di cui alla tabella D7 (raccolta e trasporto di rifiuti abbandonati sulle spiagge e sulle rive dei corsi d’acqua), salvo esplicito divieto riportato nel provvedimento di iscrizione.

Il Comitato fa, inoltre, presente che in sede di rinnovo dell’iscrizione, l’impresa, già iscritta al 1° febbraio 2017, deve attestare il possesso dei requisiti previsti ed è la Sezione regionale a verificare in tale sede la disponibilità delle macchine operatrici o dei veicoli ad uso speciale previsti.

Qualora l’impresa non dimostri la disponibilità delle macchine operatrici o dei veicoli ad uso speciali previsti, la Sezione esclude la sottocategoria interessata e nel provvedimento di rinnovo dell’iscrizione riporta la dicitura: "L'impresa non può esercitare le attività di cui alle sottocategorie "raccolta e trasporto di rifiuti urbani giacenti sulle strade extraurbane e sulle autostrade" oppure "raccolta e trasporto di rifiuti abbandonati sulle spiagge marittime e lacuali e sulle rive dei corsi d'acqua".

LINK:

Per scaricare il testo della circolare n. 3/2019 clicca qui.