17/12/2013

Premio della Fedeltà al Lavoro e del Progresso Economico

Riconoscimento all’impegno e alla dedizione al lavoro quest’oggi in Camera di Commercio di Trieste con il Premio della Fedeltà al Lavoro e del Progresso Economico promosso con cadenza biennale dall’Ente camerale.
I riconoscimenti sono stati assegnati a 23 protagonisti della scena economica provinciale suddivisi in sei categorie: lavoratori dipendenti, lavoratori dipendenti diventati imprenditori, imprese individuali e società di persone, società di capitali, imprese giovanili, imprese femminili, con anche due premi speciali.
Tra le numerose autorità presenti il vicepresidente della Giunta regionale, Sergio Bolzonello, il presidente della Provincia, Maria Teresa Bassa Poropat, l’assessore comunale all’Urbanistica, Elena Marchegiani, l’arcivescovo di Trieste, mons. Giampaolo Crepaldi.
Lavoratori dipendenti in una unica impresa da almeno 25 anni:
  • Daniela Polli, Salone Nereo.
Lavoratori dipendenti diventati imprenditori con almeno 30 anni di attività:
  • Carlo Scapini, Scamar – Agenzia marittima,
  • Marino Marini, Korman Italia spedizioni.
Imprese individuali o società di persone con attività ininterrotta da almeno 25 anni:
  • ditta Aurelio Zupancich,
  • ditta Boris Giacomini,
  • Farmacia al Corso del dott. Tullio Barich Sagrati,
  • ditta Edmondo Lalovich,
  • ditta Edvard Pockaj.
Imprese individuali o società di persone con attività ininterrotta da almeno 35 anni gestite dagli eredi:
  • Fiori Amalia di Elpidia Klima,
  • ditta Elisabetta Mazzaroli,
  • La bottega di Trimalcione di Walter Zacchini,
  • azienda agricola Beniamino Zidarich.
Società di capitali:
  • Renice Srl – Cave muggesane,
  • Pragotecna Spa,
  • Rigutti abbigliamento uomo Srl,
  • Logica Srl,
  • Ergolines Lab Srl,
  • Ocean Srl.

Imprese giovanili:
  • Acconciature Noidue di Carmela Maganuco.
Imprese femminili:
  • Salone Nives di Nives Jugovac,
  • ditta Giorgio Adam di Elena Adam.
Premi speciali:

  • Redaelli Tecna Spa: la Redaelli nasce vicino a Lecco nel 1819 come laboratorio di lavorazione del ferro ad opera dei fratelli Pietro e Giuseppe. Nel 2009 la società Redaelli Tecna ha scelto Trieste per la nascita del nuovo stabilimento nel cui stabilimento sono state realizzare funi d’acciaio da record insignite per tre volte del Guinness World Record. I prestigiosi risultati conseguiti rappresentano il successo globale tecnologico e industriale della Redaelli quale sinonimo del Made in Italy nel mondo.
  • Veit Heinichen: scrittore tedesco che dal 1997 ha scelto di vivere a Trieste dove ha voluto ambientare i suoi gialli. .